Smaltimento Eternit

Published on ottobre 25th, 2012 | by Iacopo

0

processo eternit torino

Qual è stato l’esito del processo eternit Torino? “Emerge tutta l’intensità del dolo degli imputati perché nonostante tutto hanno continuato e non si sono fermati né hanno ritenuto di dover modificare radicalmente e strutturalmente la situazione al fine di migliorare l’ambiente di lavoro e di limitare per quanto possibile l’inquinamento ambientale”.

Già depositate al Tribunale di Torino le motivazioni della sentenza del processo Eternit. Secondo il pm Raffaele Guariniello: “E’ una pietra miliare della giurisprudenza perché afferma dei principi che non valgono solo nel singolo caso ma anche per il futuro. Come il dolo e il disastro ambientale, anche dell’ambiente esterno. Sono tutti principi che spero siano preziosi per i giudici italiani ma anche per tutto il mondo perché  purtroppo queste tragedie si sono verificate e si stanno ancora verificando in tutto il mondo”.

Nel documento sono definite le regioni della condanna in primo grado dei due ex manager della multinazionale dell’amianto, Stephan Schmidheiny e Louis De Cartier, a 16 anni di carcere pronunciata lo scorso 13 febbraio.

L’accusa è di disastrao ambientale doloso e omissione dolosa di cautele antinfortunistiche. Il processo eternit Torino è il più grande mai celebrato in Italia per disastro dell’amianto, costato migliaia di casi di morti e malati per malttie connesse.

“Non può essere riconosciuta alcuna attenuante – scrive il giudice Giuseppe Casalbore – mentre risulta evidente che gli imputati hanno agito in esecuzione del medesimo disegno criminoso”. Secondo i magistrati gli imputati “hanno cercato di nascondere e minimizzare gli effetti nocivi” del minerale killer.

Tags:




Back to Top ↑