Smaltimento Eternit Pericolo amianto a Mantova, nel distretto ceramico

Published on aprile 22nd, 2013 | by Iacopo

0

Pericolo amianto a Mantova, nel distretto ceramico

Pericolo amianto a Mantova, nel distretto ceramico di Sassuolo. A rivelare la notizia è stata l’associazione culturale Conto anch’io, che invita i cittadini a inviare segnalazioni, mentre le amministrazioni comunali di Sassuolo e dei Comuni limitrofi sono chiamate a prendere in esame un censimento di tutti gli immobili con eternit. Lo scopo è intervenire in modo rapido sulle zone a rischio.

“Ogni anno – apprendiamo da una nota rilasciata dall’associazione culturale – l’amianto uccide tantissime persone in tutta Italia. A causa di gravi malattie ai polmoni, dal mesotelioma, un tumore maligno della pleura, all’ asbestosi al carcinoma polmonare. I rischi che derivano dalla presenza dell’eternit , spesso, sono ampiamente sottovalutati, se non ignorati . In effetti, il materiale è innocuo fin quando viene mantenuto in perfette condizioni. Ma, non appena comincia a usurarsi o sfaldarsi, libera delle fibre cancerogene, che possono essere facilmente inalate attraverso la respirazione. L’eternit si usura per vetustà a causa dell’azione di agenti esterni come la pioggia o gli urti, pertanto in questo caso è necessario e obbligatorio per legge rimuoverle”.

Al centro della polemica, in modo particolare, il comparto industriale del settore ceramico di Sassuolo. In zona sarebbero stati rilevati numerosi capannoni con usurate coperture in eternit. L’associazione ha fatto notare che “alcuni di questi sembrano non in buone condizioni”. Da ciò nasce una nuova proposta: “rimuovere l’eternit, che contiene amianto, e di istallare pannelli fotovoltaici attraverso anche un eventuale extra-contributo da parte delle Istituzioni. Questa proposta permetterà, non solo di tutelare al meglio la salute dei cittadini, ma anche di ricavare energia elettrica “pulita” (risparmi di emissione in atmosfera) e di generare un ritorno economico, che copre i costi sia della rimozione che dei pannelli fotovoltaici”.




Back to Top ↑