Smaltimento Eternit no image

Published on giugno 5th, 2012 | by Iacopo

1

Obbligo rimozione eternit

Obbligo di rimozione eternit. Purtroppo ogni manufatto costruito in cemento-amianto, oltre ad avere una lunga durata e resistenza, si è rivelato assai nocivo per la salute delle persone e dell’ambiente. Pericolosità frutto della potenziale liberazione di fibre di amianto che, anche a fronte di basse esposizione, conducono a un preciso tumore polmonare, conosciuto come mesotelioma pleurico.

Tuttavia l’obbligo di rimozione eternit non si realizza se le coperture o gli altri dispositivi restano in buone condizioni. Non è comunque consentito il commercio, la vendita e neppure l’utilizzo delle parti rimosse. Parti che vanno reputate rifiuto e quindi conferite in una discarica autorizzata (non sono legittime tecniche di smaltimento quali interramento, rilevati stradali, incenerimento e altre ancora).

In caso di obbligo di rimozione eternit le operazioni da compiere devono essere realizzate in rispetto dell’integrità del materiale. Ed è prevista l’installazione di una nuova copertura in sostituzione di ciò che è stato rimosso (rif. leg. D.M. 06.09.1994). In alternativa possiamo procedere con la sovracopertura.

In questo caso è necessario un intervento di confinamento installando una nuova copertura al di sopra di quella in amianto-cemento, che è lasciata in sede in modo tale da mantenere la struttura portante.

Un’ulteriore alternativa è l’incapsulamento. Possono venire impiegati prodotti impregnanti, che vanno a penetrare nel materiale legando tra loro le fibre di amianto con la matrice cementizia. Mentre i prodotti ricoprenti vanno a costituire una spessa membrana sulla superficie della struttura in oggetto.

Tags:




  • argp

    Si…tutto fantastico… peccato che nessuno obblighi i proprietari a controllare lo stato di manutenzione del manufatto per cui l’ obbligo di rimozione, se non coinvolge in primis lgs salute (e quindi l’ interesse) del proprietario, non trova mai applicazione!!!

Back to Top ↑