Smaltimento Eternit Italsider ed Eternit di Bagnoli: impianti sotto sequestro

Published on aprile 11th, 2013 | by Iacopo

0

Italsider ed Eternit di Bagnoli: impianti sotto sequestro

Gli ex-impianti di Italsider ed Eternit di Bagnoli (Napoli) sono stati posti sotto sequestro dai carabinieri questa mattina. La misura è stata disposta dal GIP del Tribunale di Napoli. È presa in esame la zona sottoposta ad attività di bonifica curata dalla società di trasformazione urbana Bagnolifutura Spa.

In base alle indagini emerse, nelle aree già certificate come modificate c’è stata “omessa bonifica dei terreni”. L’intervento ha prodotto un “ulteriore aggravato dello stato di inquinamento dei terreni”. Numerosi i capi d’imputazione: dalla truffa ai danni dello Stato per l’illecita percezione di denaro pubblico (circa 107 milioni di euro) all’attività di bonifica solo virtualmente effettuata, passando per il disastro ambientale.

L’inchiesta è stata guidata dal Pubblico Ministero Stefania Buda, grazie al coordinamento dei Procuratori aggiunti Francesco Greco e Nunzio Fraiasso. La pubblica accusa ha chiesto e ottenuto dal Giudice per le Indagini Preliminari l’emissione di un’ordinanza che dispone il sequestro preventivo di un’ampia area.

Dagli esami tecnici previsti dagli inquirenti è stato accertato un elevato inquinamento dell’area. Paradossalmente gli interventi di bonifica, piuttosto che migliorarla, avrebbero aggravato la difficile situazione ambientale.

Secondo la Procura della Repubblica di Napoli i fatti relativi alla bonifica delle aree di Bagnoli si sono realizzate “in un contesto generalizzato di conflitto d’interesse”. Per i pm “tutti gli enti pubblici istituzionalmente preposti al controllo dell’attività di bonifica, quali Arpac, Comune e Provincia di Napoli, si sono venuti a trovare”.

Tags: ,




Back to Top ↑