Incentivi Fotovoltaico Amianto no image

Published on febbraio 26th, 2012 | by

1

Fotovoltaico al posto dell’amianto, ecco gli incentivi

La Regione Emilia Romagna ha messo a concorso per una serie di imprese un insieme cospicuo di finanziamenti pari a 13 milioni per stimolare la conversione dei tetti in amianto, che è la materia prima principale delle coperture di numerose aziende della regione, in pannelli destinati al fotovoltaico.

Questi incentivi fotovoltaico quindi sono davvero utili per lo smaltimento dell’amianto negli edifici ove ancora è presente.

Si tratta di un intervento finalizzato alla sostenibilità energetica, quella ambientale, alla sicurezza, e allo sviluppo dell’occupazione e dell’economia nel settore delle energie rinnovabili.

La Regione Emilia Romagna guarda avanti, e lo fa con una serie di finanziamenti messi al bando pari all’ammontare di 13 milioni di euro, di cui potranno beneficiare 214 aziende, selezionate tra le 286 che hanno fatto domanda.

La Regione fa un altro passo in avanti molto importante nella direzione dello sviluppo delle energie rinnovabili, laddove questa decisione si pone in linea con i precedenti interventi messi in atto dalla Regione che erano volti a contenere al massimo il consumo di suolo, che, secondo la volontà espressa dagli enti locali deve essere destinato non tanto al sviluppo del fotovoltaico, ma allo sfruttamento agricolo, che ancora costituisce la principale risorsa economica della regione.

Infatti questo bando è perfettamente concatenato da un lato al bando di cessione di finanziamenti per la conversione dei tetti in amianto delle aziende, che emesso nel 2004, prevedeva finanziamenti pari a 13 mlioni di Euro per quelle aziende che effettuassero spese di sostituzione di questo materiale inquinante prevalente sui tetti; inoltre segue la decisione del Governo regionale di eliminare gli incentivi previsti effettuare la conversione delle risorse energetiche, che dovrebbero essere installate al suolo.

Quindi sembra chiaro che il governo regionale ho trovato l’optimum nel varo di questo concorso per i finanziamenti, in una regione in cui da un lato il problema dell’inquinamento prodotto dall’amianto è un pericolo notevole per la salute pubblica, e dall’altro la volontà di favorire lo sviluppo del fotovoltaico si scontra con quella dell’incremento in termini quantitativi di superficie da destinare allo sfruttamento agricolo del suolo.

L’esperienza è nuova soprattutto perchè si è provato a coniugare il risanamento ambientale, che si ottiene tramite la rimozione dell’amianto, con un ulteriore beneficio ambientale in termini di minori emissione di gas da parte degli impianti industriali, e grazie all’introduzione del fotovoltaico, il miglioramento dell’efficienza energetica per le aziende aderenti.

Tags:




  • Si certo. E’ stato inserito un etnrimecno della tariffa incentivante di 5 c€/kWh per chi esegue la bonifica dell’amianto in concomitanza dell’installazione di pannelli fotovoltaici. +1

Back to Top ↑